Massimo Campigli

Massimo Campigli scrittura creativaMi chiamo Massimo, sono nato e cresciuto in Val di Cornia e adesso vivo in un borgo di trenta anime nella campagna toscana, in provincia di Grosseto.
Diplomato all’Istituto Tecnico Industriale, per sopravvivere svolgo un lavoro da impiegato tecnico; per vivere, invece, ho trovato nella scrittura il modo di far “quadrare” la mia vita.
Sì, lo so, dovrei muovermi di più: ho provato a leggere un libro mentre nuoto, ma l’esperienza è andata male e ho deciso di tenere il libro e tagliare la piscina.
Scrivo da molto tempo, ma lo faccio consapevolmente da qualche anno: sono stato allievo dei corsi di scrittura creativa di Progetto Nero su Bianco; alcuni miei racconti hanno partecipato a concorsi letterari e sono stati inseriti in raccolte antologiche, ricevendo segnalazioni di merito.

Nel 2016 ho esordito con il romanzo Ogni dì, vien sera (Eretica Edizioni), finalista al Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti 2016.
Dentro Progetto Nero su Bianco mi occupo dei corsi base del primo e del secondo anno.
Se è vero, come è vero, che la scrittura mi appassiona, lavorare sui testi e curare l’editing è la cosa che mi interessa di più.
Decido quindi di approfondire il mondo dell’editoria e della revisione di testi frequentando i corsi Editing di Christian Raimo (all’epoca Minimum Fax), Lavorare con i libri di Marco Cassini (SUR) e Pietro Biancardi (Iperborea) presso Scuola del Libro
Il lavoro sul testo di Luca Briasco (Minimum Fax) presso Minimum Lab. Gli ultimi corsi che ho frequentato sono Avere una storia – Legami sentimentali e narrazione di Giorgio Vasta e La forma del racconto di Stefano Friani ed Emanuele Giammarco (Racconti Edizioni) presso Minimum Lab.