CHI HA VISTO LUCIANO? (sulle tracce di “Illusioni perdute”, Honorè de Balzac)

CON PREGHIERA DI MASSIMA DIFFUSIONE

 

NOME: Luciano.
COGNOME: le cose già si complicano! Nato Chardon, dal patronimico del suo padre farmacista, lui vi preferisce il ben più aristocratico de Rubemprè della madre, di famiglia altolocata poi decaduta.
ASPETTO: giovane aitante, di bella presenza.
OCCUPAZIONE: be’, anche questa è difficile davvero! Autore di poesie, ricordiamo la sua raccolta “Le Margherite” e di un romanzo, “L’arciere di Carlo IX”, che ha cercato di farsi pubblicare, ha poi iniziato a scrivere pezzi scandalistici sui potenti e recensioni prezzolate per favorire quando questa, quando quella primadonna dello spettacolo.

 

illusioniperdute2

DICONO DI LUI:

“Per me è stato più di un fratello; non ho esitato a fare il possibile per lui, prestandogli denaro per salvarlo dai suoi debiti, nonostante avessi una moglie incinta e una stamperia da mandare avanti tra molti problemi. Sono stato anche arrestato per colpa sua, per aver firmato in buona fede delle cambiali in bianco e scoperto nel nascondiglio dove mi rifugiavo proprio per la sua delazione…”
(David Sechard, stampatore, amico e cognato)

“Io, dei due, sono stata sempre quella con la testa sulle spalle e i piedi ben piantati a terra! Ho sempre cercato di proteggerlo e di aiutarlo. Non ho esitato a vendere tutti i miei averi e fare molte rinunce per le sue necessità economiche parigine”
(Eva Sechard nata Chardon, sorella)

“Sono una donna che ama le arti e le lettere, sono stravagante per l’epoca e per il fatto che vivo ad Angouleme, lontano dalla vita vera che è a Parigi naturalmente! Sono sposata con un inetto e lui ne è consapevole e l’accetta, l’ho fatto per salire la scala sociale e permettermi libertà, frequentando giovanotti di bell’aspetto e di belle speranze che confidano nel mio mecenatismo.
Sì, è vero, ho inizialmente lusingato e protetto il giovane e inesperto Luciano che prima di conoscermi non aveva nemmeno un vestito adatto al luogo e all’occasione. L’ho condotto con me a Parigi dove l’ho rivestito e l’ho esibito come un trofeo per bearmi dell’invidia suscitata nelle altre signore… ma poi qualcosa è cambiato! A Parigi lui ha fatto il confronto tra me e le altre più giovani donne che affollano teatri e salotti e, non reggendolo, ne sono uscita sconfitta. L’ho abbandonato a se stesso mentre si stava legando alla giovane attrice Coralie e mi sono pentita amaramente del mio gesto quando ha raggiunto quel successo sociale che cercava al mio fianco, ma era troppo tardi per riportarlo da me…”
(Signora di Bargeton)

illusioniperdute1

ULTIMO AVVISTAMENTO: sulla strada fuori da Angouleme, con in mente l’idea del suicidio, mentre saliva a bordo della carrozza di uno sconosciuto, in direzione di Parigi…

PER FAVORE, SE LO VEDETE, DATECENE NOTIZIE.
LO ASPETTIAMO.